07 luglio 2017

Recensione: La ragazza delle ciliegie di Laura Madeleine


Buongiorno readers!!! Questo mese mi va davvero di fortuna perchè moltissime challenge incrociate hanno più o meno gli stessi obiettivi e quindi sono contenta.

È il 1919 e la fine della Guerra non ha portato la pace sperata per Emeline Vane. Un segreto doloroso nascosto nelle pieghe di quegli anni di burrasca la tormenta, e le sembra che il suo cuore in pezzi non potrà ricomporsi mai più. Così, in un momento di disperazione, decide di abbandonare la sua famiglia ormai spezzata e di salire su un treno. Nessuno la rivede mai più. Cinquant'anni dopo, Bill Perch è un giovane avvocato al suo primo caso. Gli viene chiesto di provare la morte della signora Emeline Vane - unico modo perché i suoi due nipoti possano ereditare la tenuta nel Norfolk appartenuta alla zia, e disporne liberamente. Vogliono venderla a un'impresa che intende usare quel terreno per costruire degli edifici. È così che Bill si ritrova tra le mani un vecchio diario: quello che Emeline ha scritto negli anni precedenti la sua scomparsa. Davanti ai suoi occhi si dipanerà una storia di amore e tradimento - così avvincente che Bill decide di scoprire la verità, invece di inventarsi prove della morte di Emeline. Ma cos'é davvero accaduto a Emeline cinquant'anni prima?

Titolo: La ragazza delle ciliegie
Serie: Auto conclusivo
Autore: Laura Madeleine
Editore: Piemme
Genere: Storico/contemporaneo
Pagine: 331
Pubblicazione: giugno 2017
Luogo: Norfolk - Cerbère

 
Per due challenge dovevo leggere un libro ambientato durante la guerra e casualmente nelle nuove uscite mi è caduto l'occhio su questo libro. L'autrice l'ho conosciuta l'anno scorso quando il mio moroso un giorno è arrivato con un libro scelto da lui a sopresa e mi è piaciuto un sacco ritrovare il suo stile.

Come per il suo precedente romanzo, anche in questo ci sono due fili narrativi che si intrecciano. La protagonista del romanzo Emeline, ci racconta la sua vita nel 1919 durante la guerra e dal suo diario ci narra la fatica di vivere in quel periodo e tutto il suo malessere/depressione per aver perso tutta la famiglia a parte un fratellino e lo zio che vuole vendere l'unica casa che hanno. Un bel giorno Emeline sparisce nel nulla senza lasciare traccia.
Il protagonista maschile del romanzo è Bill, che nel presente cioè 1969, ci racconta la sua voglia di diventare un bravo avvocato. Le due storie si intrecciano perchè a Bill, capita il caso degli eredi della casa di Emeline che vogliono venderla ma una parte è ancora di proprietà proprio di Emeline, scomparsa senza lasciare traccia a parte quel famoso diario che Bill trova. Bill si ritroverà a leggere e cercherà di trarre le fila della vita di Emeline...

L'abilità della scrittrice nel tirare entrambi i fili tra presente e passato caratterizzano tutti i suoi romanzi ed è questa particolarità che rende ogni suo lavoro unico.Pensavo fosse una cosa pesante o che alla fine stancasse ma in realtà non è così. Sia il suo primo romanzo che questo sono davvero dei romanzi particolari e unici, delle perle da leggere sicuramente per staccarsi un pò dalle solite narrazioni e stili letterari abituali. Ecco un romanzo che mischia presente e storia è sicuramente più leggero da leggere per me che non amo gli storici. Li leggo ma intervallati così con momenti del presente li preferisco. Vi assicuro che non è difficile tenere le file di entrambe le storie. Io lo consiglio a tutti perchè ha uno stile elegante e carino rispetto ai soliti romanzi che leggo io.Speriamo scriva ancora e che mantenga sempre il doppio filo presente e passato perchè sono meravigliosi.

A presto 
Kris

0 commenti:

Posta un commento

 

MidNight's Books Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang