31 agosto 2017

Recensione: Al centro dell'Universo di Morgan Matson

Buongiorno readers!!! Oggi sono qui per parlarvi dell'ultimissimo libro letto. Stavo leggendo altro ma ho dovuto accantonare libri e fumetti per finire in tempo questo.

Emily ha deciso di correre qualche rischio per trascorrere l’estate più travolgente della sua vita. Prima di Sloane, Emily non andava alle feste, parlava a malapena con i ragazzi, non aveva mai fatto niente di folle. Ma Sloane, un vero e proprio “tornado sociale”, è la migliore amica che si possa avere e l’ha tirata fuori dal suo guscio. Eppure, poco prima di quella che doveva essere un’estate epica, Sloane... scompare. Lascia solo una misteriosa lista con tredici cose, alquanto bizzarre, che Emily dovrà fare. Per esempio: “Cogli le mele di notte”. Va bene, abbastanza facile. “Balla fi no all’alba”. Perché no? “Bacia uno sconosciuto”. Che cosa?! Ma senza Sloane, Emily potrà farcela? Chissà cosa succederà, con tutta un’estate davanti e l’inaspettato aiuto dell’affascinante Frank Porter...




Titolo: Al centro dell'universo
Serie: Autoconclusivo
Autore: Morgan Matson
Editore:
Newton Compton
 Genere: Young Adult
Pagine: 384
Pubblicazione: Febbraio 2016
Periodo: Un'estate
 

L'altro giorno ho terminato in tempo una challenge e dovevo leggere un libro bonus. Fortunatamente in questa lista c'era questo libro che avevo già in ebook (sante promozioni) e quindi ho lasciato gli altri libri in lettura e ho terminato questo. Agosto è stato molto positivo per via delle vacanze e il tanto tempo libero, da adesso in poi la vedo dura... 
Il romanzo parla di Emily, una ragazza che terminata la scuola parte all'improvviso per un viaggio dell'ultimo minuto con i suoi genitori. Al rientro chiama la sua migliore amica Sloane ma lei non risponde. Dopo qualche giorno Emily si reca a cercarla a casa e trova tutta la casa chiusa, quasi disabitata. Di Sloane non rimane nessuna traccia, se non una lista di cose che Emily deve fare e non sono sono cose che Emily farebbe....per esempio il bagno nuda. Emily infatti è la classica ragazza timida e riservata, chiusa e introversa che si appoggia a Sloane da quasi due anni perchè lei è quella estroversa, popolare e simpatica a tutti. Emily trascorre l'estate seguendo la lista nella speranza di ritrovare l'amica e acquistare coraggio per la sua vita. 

Il libro è romanzo dolcissimo e tenere che mi ha tenuta incollata questi ultimi due giorni. Come sempre i romanzi Newton si leggono in fretta, un pò come finiscono in fretta i pacchetti di patatine, una pagina tira l'altra. Il messaggio finale è sicuramente il legame di amicizia che lega le due ragazze che pare essere indissolubile. Infatti questo YA non è il classico romanzo d'amore, no qui il tema è l'amicizia fra due ragazze che supera qualunque cosa, perchè le amicizie migliori sono quelle che nascono fra i banchi di scuola. Non so se ha pubblicato altri romanzi, non ho avuto tempo di controllare, ma sicuramente leggerò altri libri di questa scrittrice! 

A presto 
Kris

30 agosto 2017

Recensione: Miss Marple nei Caraibi di Agatha Christie





Buongiorno readers!! Oggi è il 30 e quindi significa ultime recensioni del mese mi ero completamente dimenticata che poi siamo già a settembre!

Miss Marple nei Caraibi Miss Marple é nei Caraibi, letteralmente spedita in vacanza dal nipote Raymond. Il luogo é splendido, il clima ideale, eppure l'anziana signora non si trova a suo agio, lontano dal villaggio di St Mary Mead, e soprattutto si annoia. L'unico diversivo consiste nell'ascoltare i racconti del maggiore Palgrave, instancabile narratore di avventure di caccia, vecchi scandali e omicidi rimasti impuniti. Un noioso tran-tran, insomma, se non fosse che proprio dopo uno di questi racconti il maggiore viene ritrovato cadavere. E Miss Marple intuisce subito che non si é trattato di una causa naturale. Possibile che qualcuno abbia voluto tappare la bocca al vecchio ufficiale? E dove é finita la fotografia che Palgrave in una delle ultime occasioni aveva detto di volerle mostrare? Dimenticata la noia, l'intrepida zitella é pronta a gettarsi a capofitto in una nuova indagine.




 Titolo: Miss Marple nei Caraibi
Serie: Autoconclusivo
Autore: Agatha Christie

Editore: Mondadori
 Genere: Romanzo giallo
Pagine: 230
Pubblicazione: 2003
Luogo: Golden Palm Hotel, Caraibi
Periodo: qualche settimana



Uno degli obiettivi della challenge di agosto era un giallo al mare e chi meglio della mia adorata Agatha Christie potva aiutarmi? Ebbene si lei per i gialli e la newton per i vari libri sono il mio trucchetto per leggere tanto perchè sono libri facili e si fanno leggere in due pomeriggi quando ho tempo. 

Ma veniamo al libro. Di Agatha Christie ho letto tanto ma non ho mai letto della vecchietta che gioca a scovare gli assassini e mi sono proprio imbattuta in questo libro per la prima volta. 
Il romanzo si svolge in un lussuoso albergo, il Golden Palm Hotel, dove Miss Marple sta passando le vacanze. Qui come di consueto ci sono moltissimi bizzarri personaggi, fra tutti un maggiore dell'esercito che conversando con lei le rivela la presenza di un assassino nel loro stesso albergo. Il giorno dopo viene trovato senza vita e si pensa subito a cause naturali per via dell'età. Miss Marple non ci crede e comincia a conversare un pò con tutti gli altri ospiti alla ricerca di possibili indizi.  Qualche giorno dopo anche una dipendente dell'albergo, la cameriera Victoria, viene brutalmente uccisa e qui Miss Marple trova la prove che anche la prima non era una morte naturale ma si tratta di un assassinio. 

Vi lascio immaginare come prosegue la storia, perchè tutti i libri della Christie seguono lo stesso schema, crimine indagine svolta e arresto/suicidio del colpevole. I suoi romanzi nonostante siano stati scritti quasi 50 anni fa si leggono senza troppi problemi perchè ha questa capacità di tenere il lettore incollato alle pagine con colpi di scena in ogni pagina. Il linguaggio è semplice, non troppo ricercato e relativo ovviamente agli anni 60 quando venne pubblicato. Io adoro i suoi romanzi perchè sono talmente semplici e senza troppi fronzoli che son godibilissimi così. I gialli di adesso giocano molto sugli aspetti psicologici del colpevole e diventano sempre un pò pesantucci oppure troppo cruenti nel descrivere certe scene. Se qualcuno vuole iniziare a leggere i gialli, io consiglio di partire proprio da lei, già alle medie io dovevo leggere le sue opere per le vacanze, quindi sono i più facili per approcciarsi al genere. 

A presto 
Kris

29 agosto 2017

Recensione: Paper Prince di Erin Watt

Buongiorno Readers! Che caldo....ma perchè fa ancora così caldo?! Ho letto giusto oggi un articolo che prometteva un inverno da gelo polare e freddo artico con temperature a meno 25 da noi O.o sarebbe una meraviglia....così non uscirei più di casa!

Ella non sa dire se la sua vita fosse migliore o peggiore prima che Callum Royal la trovasse. Ma una cosa è certa: da quando è piombata in casa Royal come un tornado, per lei è cambiato tutto. Scuola privata, feste e vestiti costosi. Con la sua grinta e la sua schiettezza, è riuscita persino a vincere l'ostilità dei fratelli Royal, a conquistare il loro rispetto e il loro cuore - in particolare quello di Reed. Il più imperscrutabile dei cinque. Bello, ricco e popolare, Reed ha tutto. Le ragazze fanno la fila per uscire con lui e i ragazzi lo rispettano. Eppure, nulla e nessuno sembra importargli. Perché i Royal sono così: non sono facili ai sentimenti, piuttosto li seppelliscono, fingendo che niente li sfiori. Con Ella, però, per la prima volta dopo la morte della madre, Reed ha permesso a se stesso di lasciarsi andare alle emozioni. Ma il suo mondo crolla quando, dopo una discussione, Ella scompare. Con il cuore a pezzi, e senza lasciare traccia. D'altronde è abituata a scappare e rifarsi una vita ripartendo ogni volta da zero. Tutti incolpano Reed per quella fuga, i suoi fratelli lo odiano e, se possibile, lui odia se stesso ancora di più. Ed è disposto a fare qualsiasi cosa pur di ritrovarla. Ma, se anche ci riuscisse, sarebbe in grado di riconquistare il suo cuore?

Titolo: Paper Prince
Serie: The Royals 2#
Autore: Erin Watt
Editore:
Sperling & Kupfer 
 Genere: Romance Young Adult
Pagine: 346
Pubblicazione: 27 giugno 2017
Luogo: Florida
Periodo: Un mese e mezzo circa

 

Dopo il cliffhanger del primo libro non so come ho fatto a resistere e a non leggere questo subito. In realtà è arrivato a casa ma ha dovuto attendere un bel pezzo prima di essere divorato in una notte. Il terzo volume è in arrivo o meglio l'ho preordinato e mi arriva settimana prossima... dico solo che questi finali sono illegali. 

Paper Prince inizia nello stesso instante in cui finisce Paper Princess, anzi no inizia prima. Infatti i primi capitoli sono narrati da Reed e ci fanno vedere che cosa è successo alla fine del primo libro ma attraverso i suoi occhi. Ella è scappata e quindi per i primi capitoli il narratore è il nostro amato Reed che conosceremo meglio. La scena finale del primo libro è stata difficile da accettare per Ella, ma volendo o no, deve far ritorno a casa Royal e affrontare i suoi demoni. Il piano di Ella di evitare tutti e tutto non andrà a buon fine, visto che Reed non è della stessa idea e tutte le notti dorme davanti alla sua porta. Ella deve perdonare Reed e credere a quello che le dice, per il bene di tutta la famiglia perchè da quella notte i Royal si stanno sgretolando, sarà appunto compito suo evitare tutto questo e riuscire e riappacificare tutta la famiglia.

Il secondo libro mi è piaciuto, ho dato infatti 5 stelline come al primo per via delle novità introdotte e dei colpi di scena che si susseguono nel libro. Anche se il primo era narrato dal solo punto di vista di Ella i fratelli Royal erano molto più presenti mentre nel secondo lo sono meno. O meglio sono sulla scena ma non vengono considerati e questo un pò mi ha dato fastidio. Ho conscluso il libro ma ho come avuto la sensazione che fosse successo molto da quando l'ho iniziato. Lo stile è semplice, ci sono parolacce e scene un pò così ed è secondo me una lettura dai 16 anni in su. Non è un libro fatto per i giovanissimi. Ci sono persone che criticano il libro per via delle scene al limite del vero ma dobbiamo ricordarci che questo libro è scritto e ambientato in un'altra cultura, quella americana, dove cose come quelle narrate succedono tutti i giorni e sono considerate normali. Bisogna leggere questo libro, così come tutta la saga, per quello che è, ovvero un romanzo leggere e un pò trash che ad alcuni può piacere e ad altri meno ma non per questo bisogna insultare chi lo apprezza.

 Il colpo di scena finale? Tranquilli c'è ed è peggio di quello del primo. Sono due autrici cattive sotto questo punto di vista ma grazie alla casa editrice in pochi mesi abbiamo avuto tutta la trilogia in un colpo solo. La serie Royal non finisce con il prossimo libro, ovvero Paper Palace. Ci saranno due libri su Easton, uno su Gideon e poi sui gemelli. Ne avremo ancora per molto con questi Royal da urlo, speriamo solo di non dover aspettare una vita per leggerli. Io intanto faccio il conto alla rovescia alla spedizione della mia copia cartacea di Paper Palace ordinata a luglio. Questa serie da dipendenza. Tutti la criticano ma anche chi lo fa in maniera negativa e pesante la legge, quindi vuol dire che nel male o nel bene qualcosa di buono in questa serie c'è.

A presto 
Kris

28 agosto 2017

Recensione: Su e giù per Manhattan di Sarah Morgan





Buongiorno readers! Oggi vi parlo di un libro della mia adorata Sarah Morgan. Ho infatti letto il nuovo libro uscito da poco che è il primo della nuova serie che sta pubblicando la Harper.

Paige, Eva e Frankie hanno lasciato la cittadina di provincia in cui sono cresciute a Puffin Island e si sono trasferite a New York, dove hanno trovato lavoro in un'affermata agenzia che organizza eventi. Per Paige, che ha sempre amato le sfide, è l'occasione di mettere alla prova se stessa e le proprie capacità, ma proprio quando il successo sembra a portata di mano, di punto in bianco scopre di essere stata licenziata. Non solo: la stessa sorte è toccata anche alle sue amiche. Decisa a non darsi per vinta e a rimanere a Manhattan, Paige si convince che l'unica soluzione possibile, a quel punto, sia mettersi in proprio... Lanciare una start up, però, è ben poca cosa di fronte alla necessità di nascondere ciò che prova per Jake Romano. Oltre a essere il miglior amico di suo fratello Matt e uno degli scapoli più ambiti di Manhattan, Jake è anche l'uomo che le ha spezzato il cuore, e quando offre alla sua neonata società l'imperdibile occasione di farsi conoscere, Paige si ritrova a trascorrere con lui molto più tempo di quanto avesse programmato. E inizia a chiedersi come può convincere l'uomo che non crede nell'amore per sempre che a volte esistono anche storie a lieto fine.


Titolo: Su e giù per Manhattan

Serie: From Manhattan with Love 1#


Autore: Sarah Morgan


Editore: Harpen Collins Italia


Genere: Romance Contemporaneo
Pagine: 380 

Data di uscita: giugno 2017
 Luogo: Manhattan

Periodo: qualche mese /estate



Io amo Sarah Morgan non c'è nulla da fare. Ho letteralmente amato alla follia il prequiel A Mezzanotte da Tiffany e quindi avevo grandi aspettative su questo romanzo. Come casualmente capita nei suoi libri, ci sono tre amiche Eva, Frankie e Paige  che hanno lasciato Puffin Island per la vita metropolitana a Manhattan dove il fratello di Paige gli ha concesso due appartamenti in affitto. Le tre ragazze lavorano per una agenzia di eventi che improvvisamente le licenzia e loro tre rimangono senza lavoro, dopo aver dato tutto per l'azienda. Decidono così di prendersi la loro rivincita e aprire una loro azienda che organizza eventi e altri piccoli lavoretti per chi è troppo occupato. In questo libro poi seguiamo la vita privata di Paige che ha un unico grande amore fin da quando era adolescente. Non vi sto a dire di più perchè se no vi racconterei tutto il libro e non vorrei mai fare spoiler a chi magari ha intenzione di leggerlo. 

Dunque questo libro mi è piaciuto un sacco. Sono quei libri che leggo in uno/due pomeriggi e che mi fanno venire un picco di zuccheri allucinante. Secondo me per amare questi libri non bisogna avere troppe aspettative perchè si sa già dalla trama come andranno a finire. Questo libro narra le vicende di Paige, il prossimo in uscita a metà settembre quelle di Frankie e il terzo a ottobre/novembre racconta le vicende di Eva. Sono libri che hanno protagonisti diversi ma che vanno letti in ordine perchè sono collegati e le vicende avvengono in sequenza. Ci sono altri libri e dando un'occhiata ai nomi non so ancora chi siano e quindi sono curiosa di capire dal terzo in poi chi sono i nuovi arrivi. Lo stile della Morgan è semplice per un romanzo leggere che si legge davvero senza troppi pensieri. Vengono inserite tematiche importanti che la Morgan mischia nella storia davvero con un'abilità incredibile. Diciamo che essendo il primo di una serie, l'autrice ha dovuto inserire il lettore nel contesto e quindi non succede molto in questo libro a differenza degli altri, perchè i due protagonisti si conoscono già e sono già amici.

Non vedo l'ora che arrivi il secondo libro, sto aspettando di ordinarlo ma su Mondadori non c'è ancora la possibilità di pre-ordinarlo. Probabilmente aspetterò anche il terzo così li compro insieme. Copertine fighissime e tutte di colori diversi che in libreria messi tutti vicini fanno un arcobaleno solo di libri della Morgan.

27 agosto 2017

Recensione: The Siren di Keira Cass



Buongiorno readers! Oggi sono qui con la prima di diverse recensioni in arretrato come succede sempre. Oggi vi parlo di un libro che per me è un no


Kahlen è una Sirena, una meravigliosa e pericolosa creatura al servizio dell'Oceano. Ma non è sempre stato così. C'è stato un tempo in cui Kahlen era soltanto una ragazza come tutte le altre. Poi, un giorno, mentre stava annegando, l'Oceano l'ha salvata regalandole una seconda possibilità, anche se a un prezzo terribile: per i prossimi cento anni dovrà rinunciare ai suoi sogni (primo fra tutti quello di amare ed essere amata) e attirare in acque mortali, con il suo canto letale e ammaliatore, gli essere umani. Proprio come Akinli: gentile e bellissimo, è il ragazzo che Kahlen ha sempre sognato. Ma innamorarsi di un essere umano infrange tutte le regole dell’Oceano. Quanto sarà disposta a rischiare per seguire il suo cuore?



 Titolo: The Siren
Serie: Auto conclusivo
Autore: Keira Cass
Editore: Speriling and Kupfer
Genere: YA
Pagine: 289
Data di uscita: Ottobre 2016
Luogo: Oceano
Periodo: anni con salti temporali

Ho letto questo libro perchè arrivato giusto giusto per ben due obiettivi delle challenge. Quando è uscito non ho voluto leggerlo e non l'avrei mai letto se non fosse stato per gli obiettivi. Ho letto il primo libro dell'altra serie dell'autrice e mi era piaciuto ma ho trovato spaventoso gli attacchi contro la serie stessa e quindi mi sono fermata. Sicuramente voglio finirla per vedere se tutti hanno ragione a criticarla o meno ma questo libro non mi ispirava e infatti non mi è piaciuto come speravo. 
La protagonista del libro è Kahlen una ragazza che durante una crociera con tutta la sua famiglia finisce in mare e le viene offerta la possibilità di salvarsi, a differenza degli altri componenti. Kahlen rinuncerà alla sua voce e alla sua vita sulla terra ferma per diventare una sirena di Oceano, la sua guida in questo mondo per i prossimi 100 anni di immortalità. Tutte le volte che Oceano lo desidererà lei, insieme alle sue sorelle sirene, dovrà strappare la vita a qualche umano per il volere di colei che la protegge. A vent'anni dalla fine della sua condanna, Kahlen appare molto sofferente per via di tutte le morti che ha causato, desidera solo una vita normale e incontrare finalmente l'amore della sua vita. Ma un giorno, per pura fortuna incontra Akinli, un giovane ragazzo dolce e premuroso. Il destino però ha altri piano in serve per la nostra bella protagonista...

 Il libro soprattutto all'inizio è molto descrittivo e troppo lento secondo i miei gusti. Vengono analizzati gli stati d'animo della protagonista e le mancanze rispetto alla vita umana.
Quest'opera è il primo lavoro di Keira, cioè l'autrice ha scritto questo libro prima della famosa serie e un pò si capisce dal modo di scrivere che era alle prime armi. Questo non toglie nulla alla storia che è comunque leggibile e godibilissima sotto tutti i punti di vista. Siccome è il secondo libro sulle sirene, posso definitivamente dire che non fanno per me. Non mi piacciono non so dirvi il perchè. Se dovessi ricevere un altro libro sulle sirene non so se lo leggerei subito, magari dipende dal mio umore ma per ora basta mare e sirenette. Il linguaggio è semplice e adatto anche alle lettrici più giovani, perchè l'autrice esalta amore e amicizia in un libro scorrevolissimo. E' un autoconclusivo quindi se avete voglia di leggerlo non dovrete comprare i seguiti.

 Per chi volesse leggere qualcosa di questa autrice, io li ho trovati carini tutte e due quindi dipende solo se volete iniziare con le principesse o con le sirene. Io preferisco le prime e infatti continuerò la saga di The Selection che ho in libreria. 

A presto
 Kris

25 agosto 2017

Recensione: Percy Jackson e Il mare dei mostri di Rick Riordan


Buongiorno readers...mancano 3/4 mesi alla fine delle challenge e vi giuro che non sto più nella pelle. Mi piace un sacco partecipare a queste challenge organizzate da ragazze stupende ma la voglia di leggere un libro a caso e sempre tantissima. Sono sicura che poi a dicembre mi iscriverò ancora ma no devo resistere!

La vita di un semidio a New York non è sempre facile, e quella di Percy Jackson è diventata una vera impresa da quando ha scoperto di essere figlio di Poseidone e deve trascorrere tutte le estati al Campo Mezzosangue, insieme ai suoi simili. Ma ora il campo è in grave pericolo: l'albero magico che lo protegge è stato avvelenato e non riesce più a difenderlo dalle invasioni dei mostri. Solo il Vello d'Oro può salvarlo! Ma è custodito su un'isola da Polifemo, nelle acque tumultuose del Mare dei Mostri. La missione è affidata alla figlia di Ares, ma Percy non può certo restarsene con le mani in mano... anche perché il suo satiro custode Grover è nelle grinfie di Polifemo! Accompagnato dalla fedele Annabeth e dal nuovo amico ciclope Tyson, Percy dovrà intraprendere un viaggio per mare e affrontare le mille insidie che nasconde, dalla maga Circe al canto delle sirene. E come se non bastasse, la profezia dell'Oracolo si complicherà... Chi sarà, tra i figli dei tre Grandi, a tradire gli dei dell'Olimpo?

Titolo: Il mare dei Mostri
Serie: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo 2#



Autore: Rick Riordan


Editore: Mondadori


Genere: Romanzo Fantasy
Pagine: 329

Data di uscita: Ottobre 2011
Luogo: New York


Oggi vi parlo del secondo libro della saga di Percy Jackson, letto perchè conteneva la parola giusta al momento giusto ovvero la parola mostri. Avevo letto il primo questa primavera e ho proseguito con il secondo che devo ammettere non mi ha deluso per nulla. 

Percy Jackson è di nuovo a New York nel mondo reale e sta frequentando la scuola senza troppi problemi quando si ritrova a dover fuggire per dei nuovi mostri chiamati Lestrigoni. Aiutato da Annabeth e Tyson, Percy riesce a scappare e a raggiungere il Campo Mezzosangue come l'estate precedente, dove come nuovo allenatore è stato scelto Tantalo, che reintroduce l'ormai perduta corsa delle bighe ma che come insegnante si dimostrerà carente e non all'altezza del suo incarico. Durante la prima corsa delle bighe il campo verrà attaccato da dei mostri che Percy e Annabeth riusciranno a scacciare ma finiranno nei guai e verranno accusati di averli attirati loro. I nostri eroi poi intraprenderanno un bel viaggio in mare che ripercorre un pò le tappe del viaggio di Odisseo e dove i nostri eroi sconfiggeranno altri mostri ma riusciranno a uscirne indenni?

La storia di Percy Jackson mi ha sempre attirato per via della presenza della mitologia, ma il fatto che fosse per un pubblico molto giovane mi ha sempre fermato. L'anno scorso ho deciso di recuperare tutta la saga e ora sto iniziando a leggerla e devo dire che mi è piaciuta molto fino ad ora. Ovviamente non aspettandomi nulla, se non un libro leggero per passare qualche ora.  Vedo che tutti i suoi libri sono acclamati come vere e proprie opere straordinarie e quindi sono, anche per questo, decisa a finire questa serie e iniziare tutte le altre rigorosamente in ordine di pubblicazione per non sbagliare.

Il romanzo, nonostante sia per un pubblicato giovane, si fa leggere tranquillamente  da tutti perchè è un romanzo carico di avventura ma anche tanta allegria e simpatia. Lo stile di Riordan mi piace un sacco e per questo voglio assolutamente continuare con il terzo libro ma so già che deve rientrare in qualche obiettivo prima di poterlo leggere. Per tutti coloro che non hanno ancora letto nulla di questo autore, fatelo perchè non ve ne pentirete, è una fabbrica di fantasia e il buon umore è assicurato durante la lettura di questi libri.

A presto 
Kris


23 agosto 2017

Recensione: La casa degli spiriti di Isabel Allende

Buongiorno readers! Oggi vi parlo di un altro libro letto in questo agosto tropicale. Ultimamente i miei post fanno un pò pena, me ne accorgo anche io che più che pensieri sono scleri sul libro appena letto. Ebbene si preferisco leggere che mettermi al computer a scrivere e non sono brava a far arrivare, come altre blogger il mio pensiero sul libro in questione. Con l'autunno spero di rimediare a queste mie pecche...

Una saga familiare del nostro secolo in cui si rispecchiano la storia e il destino di tutto un popolo, quello cileno, nei racconti delle donne di una importante e stravagante famiglia. Un grande affresco che per fascino ed emozione può ricordare al lettore, nell'ambito della narrativa sudamericana, soltanto "Cent'anni di solitudine" di García Márquez.






  Titolo: La casa degli spiriti
Serie: Auto conclusivo
Autore: Isabelle Allende
Editore: Feltrinelli
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 364
Data di uscita: Dicembre 2012
Luogo: Cile campagna
Periodo: quasi 50 anni


 Non ho mai letto nulla dell'Allende e per le challenge ho scelto questo libro che ho scoperto dopo essere il suo primo romanzo, scritto più di 30 anni fa.
La storia parla di un uomo Esteban, che si innamora di una bellissima ragazza Rosa. Siamo nel Cile degli anni 20 e il ragazzo decide di impegnarsi nel lavoro per guadagnare e sposare la sua bella. Rosa però muore avvelenata e Esteban si trasforma, vedendo i suoi sacrifici andare in fumo. Esteban decide di sposarti con la sorella della defunta amata, Clara che volontariamente aveva smesso di interagire e parlare con gli altri. Con questa proposta decide di tornare a parlare e si trasferisce nella casa di campagna di Esteban e con loro arriva anche la sorella di quest'ultimo, Ferula. Tra le due donne si crea un rapporto di profonda amicizia e il marito geloso, costringerà la sorella a lasciare la tenuta. Ferula morirà lontano dagli affetti, sola e in povertà costringendo poi il suo spirito a far visita alla cara amica Clara che nel frattempo è diventata madre di una bellissima bambina. La storia ci racconta la vita di quasi 4 generazioni della famiglia Del Valle e Trueba.

La storia prosegue presentandoci man mano le vicende di questa famiglia molto travagliata e un pò turbolenta per la figura di Esteban. E' una storia dove ci sono un sacco di personaggi che ruotano attorno alla vita di Clara e Esteban. Questo libro è un libro molto pesante, soprattutto per i temi e le tematiche che la Allende intreccia alla storia, fatti storici realmente accaduti si intrecciano a questa storia famigliare molto intricata. Personalmente non amo i libri mattonella. Mi piace leggere per non pensare e tutte le volte che mi trovo davanti a un libro importante mi ritrovo a non amarlo come vorrei. E' comunque un buon libro che io consiglio a tutti ma di certo non è un libro che si legge per svago come di solito faccio io. Seppur si legga senza problemi l'Allende non usa tanti giri di parole per descrivere la vita in quel periodo e quindi a tratti può essere cruda seppur sia la verità. Il romanzo è stato scritto negli anni 80 all'inizio della carriera dell'autrice. Successivamente ha scritto altri due romanzi e questo si può considerare il terzo e ultimo capitolo di una trilogia.

Sicuramente proverò a leggere qualche altra opera dell'Allende che sicuramente sarà adatta al mio umore. Magari i libri più recenti sono meno pesanti e più scorrevoli da leggere, anche se si ha la testa altrove come capita a me. Vi farò sapere lettori... intanto vado alla ricerca del prossimo libro che quasi sicuramente è Ti prego lasciati odiare della Premoli, così per passare dal pane alla focaccia cambio totalmente genere :) 

A presto 
Kris

21 agosto 2017

Recensione: Girano le stelle, l'amore oltre l'oroscopo di Darcy Woods

Buongiorno readers e agosto sta volando! Da una parte sono felice perchè arriva l'autunno, l'inverno, il freddo e io sono tanto contenta dall'altra un pò meno perchè mi porterà tanta incertezza e quindi vedremo...
Fin da quando era bambina, a Wilamena è stato insegnato che il futuro è scritto nelle stelle e che le scelte importanti della vita vanno fatte consultando gli astri, perché, come sua madre le ha sempre detto, le stelle sono sagge e vanno ascoltate. Soprattutto quando si parla d'amore. Soprattutto ora, quindi, che Wil ha deciso di cogliere l'occasione che gli astri le offrono e trovarlo, il ragazzo perfetto per lei. Armata dei suoi amati vestiti vintage e del suo quadro astrale, parte perciò per la sua missione, trovare l'uomo dei suoi sogni. Peccato che Grant, il bel musicista di cui si invaghisce, sia drammaticamente un Pesci, l'unico segno che Wil sa di dover evitare come la peste. "Tutti tranne un Pesci" le ripeteva sempre sua madre, perché altrimenti la catastrofe sarà inevitabile. Sarebbe molto più semplice, allora, innamorarsi di Seth, un Sagittario perfetto per lei, almeno sulla carta (astrale). Che fare allora? Dare ascolto alle stelle, tenendo fede alla promessa fatta tanto tempo prima alla mamma, o seguire il cuore, col rischio di compiere l'errore più grande della sua vita?

 Titolo: Girano le stelle, l'amore oltre l'oroscopo
Serie: Auto conclusivo
Autore: Darcy Woods
Editore: Mondadori
Genere: Romance contemporaneo YA
Pagine: 296
Data di uscita: Luglio 2016
Periodo: un'estate
Luogo: Charlisle


Questo libro è stato un pò una sorpresa. Incuriosita dalla trama lo avevo recuperato l'inverno scorso ma non so perchè ero convinta fosse un romance contemporaneo, o meglio pensavo che i protagonisti avessero più o meno 25 anni. In realtà mi sono trovata in mano una storia dolcissima di una diciassettenne alle prese con il primo amore e il volere delle stelle. 

A parte questa precisazione, il romanzo l'ho letto un pò per caso. Cercavo un libro che avesse la parola stelle nel titolo e questo mi guardava e mi son decisa. L'ho letto in due giorni perchè è molto breve e la storia si fa leggere senza nessun tipo di problemi. 

La protagonista della nostra storia è Will o Mena, il nome per intero è qualcosa come Willmena e per me era impossibile ricordarmelo, ma fortunatamente la chiamano tutti Will. E' una diciassettenne che vive con la nonna in una cittadina americana chiamata Charlisle. E' appena terminata la scuola e si appresta a passare la sua estate alla ricerca dell'anima gemella seguendo le carte astrali.
Will ha perso la mamma in un incidente quando aveva 8 anni e suo padre non lo ha mai conosciuto. L'unico filo che la lega alla mamma è la passione che condividevano insieme per l'oroscopo e le stelle in generale. Will è molto abbattuta perchè secondo il suo oroscopo deve trovare l'amore entro fine giugno, se no rimarrà sola per altri 10 anni. Con lo studio delle carte astrali si fissa a cercare un ragazzo Sagottario perchè è quello che si addice di più secondo le stelle. Succede che trova un ragazzo perfetto, Grant, che si innamora di lei ma che lui non è del segno giusto e lei, lo respinge per scegliere suo fratello Seth che è del segno del Sagittario e quindi è la sua anima gemella. 

Purtroppo la storia non era quella che mi aspettavo, forse confondendomi con un altro libro pensavo che fosse un romanzo con persone adulte e non ragazzi diciassettenni. Ovviamente è una storia dolcissima che si legge in poche ore e che mi è piaciuta lo stesso, anche se devo ammettere che il finale lo si capisce a pagina due. A parte questo sono andata avanti a leggerlo perchè comunque la scrittrice riesce a inserire vari colpi di scena che rimescolano le carte un paio di volte e quindi viene il dubbio che forse il finale non è quello che immagina subito il lettore. L'oroscopo e le stelle tornano spesso nel romanzo ma non è una cosa pesante, perchè sono solo considerazioni qui e la e non è l'argomento principale del romanzo. Mi è piaciuto davvero tantissimo essendo molto curiosa su questo argomento. Pensavo fosse più presente e che fosse un polpettone sulle case, segni, ascendenti e tutte quelle cose complicate sui segni ma mi sbagliavo. Ho imparato un sacco di cose e forse è un male che ci siano così poche informazioni sui segni zodiacali, perchè è proprio il segno che costruisce parte della personalità....ve lo dice un' ariete ascendente leone che ha la testa peggio del marmo. 
Mai giudicare un libro senza averlo letto. E' un romanzo leggerissimo e che è adatto alle lettrici più giovani ma che si può leggere benissimo a tutte le età.

A presto 
Kris

20 agosto 2017

Recensione: E allora baciami di Roberto Emanuelli





Buongiorno readers! Oggi sono qui per parlarvi di un libro che ho letto per una delle challenge a cui partecipo. La sfiga vuole che dopo diversi giri della ruota del lettore a me favorevoli me ne siano capitati diversi sfavorevoli, questo è uno di quelli perchè dovevo scegliere un libro fra 5 titoli proposti e oddio non erano proprio nelle mie corde...ho scelto il meno peggio.

L’amore, quello vero, quando arriva te ne accorgi. Ti prende dritto al cuore e alla testa, e a quel punto è già troppo tardi: il tempo, la distanza, le tempeste piccole e grandi, non c’è più niente che possa fermarlo. Ed è impossibile da dimenticare. Lo sa bene Leonardo, che l’ha sentito bruciare sulla pelle e ancora non riesce a liberarsi dai ricordi. Da quando Angela se n’è andata ha avuto tante donne, ma nessuna può sperare di prendere il suo posto. L’amore, adesso, Leonardo lo cerca nelle cose semplici: nei sorrisi soddisfatti dei clienti quando ripara le loro auto; nella musica che ascolta sulla sua Duetto d’epoca o nelle serate con gli amici di una vita. E poi c’è Laura, la figlia di diciassette anni, sempre più bella, ma anche terribilmente distante. Lei l’amore lo impara su internet, nelle parole di blogger che sanno sfiorarle il cuore come quel padre così silenzioso non potrebbe mai fare. Se sua mamma è fuggita, si dice, un motivo ci sarà pure. Già, ma quale? E come scoprirlo? La risposta gliela porterà il destino, al termine di un viaggio sorprendente, che per lei significherà trovare il coraggio di amare, per Leonardo la forza di ricominciare a farlo. Perché anche il più piccolo gesto d’amore è un miracolo, ma quel miracolo bisogna desiderarlo insieme.

 Titolo: E allora baciami
Serie: Auto conclusivo
Autore: Roberto Emanuelli
Editore: Rizzoli
Genere: Narrativa Contemporanea
Pagine: 297
Data di uscita: Aprile 2017


Come sempre i libri con un protagonista maschile difficilmente sono nelle mie corde. Per di più è stato strano vedere un uomo soffrire per l'amore di una donna invece che il contrario come di solito sono abituata. Leonardo è rimasto deluso da Angela, il suo primo grande amore che ancora giovanissima ha messo al mondo la loro figlia, Laura, che adesso ha 17 anni. Leonardo ha continuato ad avere altre donne, ma nessuna riempie il posto di Angela o almeno riesce a rimarginare quella ferita così profonda che lui si porta dietro da tempo.
Leonardo ha dovuto crescere la sua bambina da sola, ha dovuto tirare i remi in barca e darsi da fare senza mai far mancare nulla o far vedere alla piccola che soffriva. Adesso però la sua bambina, è una giovane donna che richiede la sua privacy e si apre ad esperienze nuove. Leonardo e Laura si scontrano come tutti i genitori e gli adolescenti in questa fase particolare della vita, ma il loro rapporto è più un male che un bene. Leonardo dopo aver trovato la figlia in una situazione particolare, inizierà a farsi domande sul suo passato, il suo presente ma soprattutto il suo futuro. 

E' un romanzo ma la storia è più che vera, o meglio racconta cose talmente reali che non è stato facile pagina dopo pagina leggere questo libro. Come dico sempre dipende dal mood del lettore quando si approccia ad un libro e siccome in questo momento io sono in un periodo decisamente no, è stata difficile la lettura. Il libro è scritto bene, un pò lentino e molto descrittivo e chi inizia a leggerlo sa già che sarà un bel mattoncino su relazione padre figlia, amori dimenticati e delusioni. Per capirci, uno che si appresta a leggere questo libro lo fa perchè vuole farlo, di certo non lo inizia credendo sia un romanzo fiction tutto rose e fiori. Ho sbagliato a leggerlo in questo periodo, per cui a me non ha fatto impazzire. Non è un brutto libro, ci tengo a chiarirlo ma per le tematiche che affronta mi ha fatto riflettere e quindi ho avuto altri momenti no, legati alla mia vita...insomma mi ha abbattuto ancora più del solito. E' un vero peccato perchè da qualche mese per sfuggire proprio ai miei pensieri leggo e leggo tanto ma quando le tematiche mi fanno pensare troppo sprofondo ancora di più. 

L'unica cosa che ho apprezzato è stato sicuramente la visione dell'amore da parte di un uomo normale, anche se usa le donne, si capisce il perchè lo fa, c'è sempre una spiegazione logica dietro un comportamento e poi ci sono frasi e aforismi da appuntarsi, sparsi qua e la. Come sempre il mio parere su una lettura dipende moltissimo dal mio umore del giorno. Vivendo spesso di alti e bassi, un libro che non mi piace particolarmente oggi domani potrei trovarlo bellissimo... si lo so sono lunatica e per questo leggo sempre libri che mi ispirano al momento e non deciso mai a priori per questo motivo.

A presto 
Kris 
 

MidNight's Books Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang